mercoledì 23 febbraio 2011

Le Chiacchiere (o Nocchette) di Carnevale

Scroll down for English version

C’era una volta, su un’isola verde, una donna dai capelli color rame e la carnagione candida come il latte. Per Carnevale usava preparare dei dolcetti conosciuti come “chiacchiere”, le sue erano le più buone del paese di Forio. Si distinguevano per lo spessore e la croccantezza e venivano annodate prima di esser fritte, per questo motivo le chiamava Nocchette. La cara signora le preparava tutti gli anni, le spolverizzava di abbondante zucchero a velo e le portava ai suoi nipotini, due gemelli che apprezzavano sempre le prelibatezze della loro cara zietta e spazzolavano via tutto in meno di 24 ore!

Ora questi gemellini sono cresciuti e non vivono più sull’isola verde, ma durante il carnevale rivivono con la mente quei momenti speciali.

Chiacchiere3

Oggi vi presento un dolce della mia infanzia, nonché tradizionale dell’isola d’Ischia. Da bambina il martedì grasso lo ricordo come un giorno ricco di prelibatezze e tanto divertimento. Mia madre usava vestirmi da principessa o regina, pensando di farmi felice e non immaginava che in realtà il mio desiderio era quello di emulare mio fratello. Non appena ho conquistato un po’ di autonomia, intorno agli 11 anni, ho incominciato a travestirmi da punk. Ero un vero maschiaccio e mi divertivo a strappare i jeans e le camicie, poi li decoravo con gli spray, indossavo catene, finti pearcing e infine mi truccavo con colori accesi. E che dire delle lotte di quartiere? Ebbene si, i punk di San Vito contro quelli di Monterone, un vero delirio per le strade di Forio!!! ;D

In questo periodo sono molti i motivi per festeggiare e trascorro molte notti in cucina a pasticciare e sperimentare. Per la laurea di una mia amica ho deciso di prepararle le Nocchette della mia cara zia Graziella, una donna speciale che anche se lontana mi fa sempre sentire il suo affetto.

Le Chiacchiere o Nocchette

di Zia Graziella

Difficoltà: bassa

Ingredienti:

  • 4 uova grandi (300 g con guscio)
  • 8 cucchiai (80g) di zucchero
  • 100 g di burro
  • 500 g di farina 00
  • Scorza grattugiata di un limone
  • Un cucchiaino di lievito
  • Un pizzico di sale
  • Olio di semi per friggere
  • Zucchero a velo per decorare

Preparazione:

  1. Setacciate la farina e il lievito su un piano da lavoro e formate una fontana con un buco al centro. Aggiungete lo zucchero semolato, un pizzico di sale, le uova intere e il burro ammorbidito (non fuso!).
  2. Con una forchetta incorporate pian piano la farina. Impastate fino ad ottenere una palla liscia e morbida. Coprite con la pellicola trasparente e fate riposare in frigo per almeno 30 minuti.
  3. Stendete la pasta sottile, circa 0,3 cm e usate un coltello o un tagliapasta per fare delle strisce. A questo punto fate dei nodini.
  4. Riscaldate l’olio e friggete le nocchette fino a che non diventano dorate. Scolatele e ponetele sulla carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso.
  5. Una volta raffreddate spolverizzatele di abbondante zucchero a velo.

Suggerimenti:

  • Conservate le nocchette in un contenitore ermetico.
  • Le nocchette possono essere servite con un vino dolce, come il Passito, Moscato e semplicemente uno Spumante.

Chiacchiere2

English Version

Italian Fried Knots

Chiacchiere, or fried knots, are typical dessert prepared in Italy in the occasion of Carnival.

Ingredients:

  • 4 big eggs
  • 8 tbsp caster sugar
  • 100 g/ 3.5 oz butter, at room temperature
  • 500 g/ 1.10 lb all purpose flour
  • Grated zest (yellow part only) of a lemon
  • 1 tsp baking powder
  • A pinch of salt
  • Vegetable oil, for deep frying
  • Powdered sugar, to decorate

Directions:

  1. Sift the flour and baking powder onto a work surface and make a well in the center. Add the sugar, a pinch of salt, the whole eggs and the butter.
  2. With a fork incorporate the flour, knead the dough until it is smooth and elastic. Form a ball, wrap and chill for at least 30 minutes.
  3. Roll out the dough on a lightly floured surface to a thickness of 0,3 cm. With a pastry wheel or knife, cut the dough into strips, gently tie each strip into a knot.
  4. Preheat the oil in a pan and fry in it the knots until they become golden. Put them on absorbent kitchen paper in order to remove the excess of oil.
  5. When cool, sprinkle with powdered sugar.

Tips:

  • Store in airtight container at room temperature.
  • Nocchette can be served with some sweet wine, like Passito, Moscato o simply with Spumante.

12 commenti:

kristel ha detto...

Molto golose queste Nocchette, non conoscevo la storia. Aspetto con ansia la settimana di carnevale per friggere a gogo'. Mi segno dunque la tua ricetta!! :)

Mary ha detto...

belli come forma di nodo!

La cuoca Pasticciona ha detto...

Elly Buon carnevale e come non festteggiarlo con questo bellissimo piatto di Chiacchere.. davvero bravissima bacino

dolci a ...gogo!!! ha detto...

è quasi arrivato il carnevale ed io nn mi sono ancora fatta coinvolegere dal clima dolcisoso e sfizioso di questo periodo pero basta vedere queste meraviglie per mettersi subito all'opera!!!bacioni imma

Jennyfer ha detto...

Non avevo mai visto questa versione annodata delle chiacchere! Sembrano davvero buone...complimenti!
Un abbraccio...

Erica ha detto...

caspita ti son venute perfette e che foto bellissime ^_^

Strawberryblonde ha detto...

quante ricette interessanti...e che bel blog! Ti seguoooo

€llY ha detto...

@kristel: Brava, segna la ricetta. Sono diverse dalle classiche chiacchiere, più doppie e croccanti, io le preferisco.

@Mary: per questo motivo gli è stato dato il nome nocchette.

@La cuoca Pasticciona: grazie, buon carnevale anche a te!

@dolci a ...gogo!!!: una partenopea come te non può non preparare le chiacchiere,se provi le mie fammi sapere. Un bacio ;D

@Jennyfer: è diversa non solo la forma ma anche la ricetta, ricordano solo lontanamente le chiacchiere.

@Erica: beh ti ringrazio, ma perfette proprio non sono, potrei dirti almeno 10 difetti delle mie foto. E per le nocchette, beh anche quelle potevano venirmi meglio, non è stato facile annodarle senza romperle. Cmq grazie mille!!!

@Strawberryblonde: grazie, è un piacere conoscerti, alla prossima!

Vi ringrazio tutti e vi auguro un buon carnevale.
La vostra Elly

cielomiomarito ha detto...

Che brava! Io non sono mai riuscita a farele e ormai mi sono rassegnata all'idea di comprarle in panetteria :)
Grazie per la visita... :)

Kiara ha detto...

Una meraviglia...golosissime!!!!!!

La Gaia Celiaca ha detto...

che bella storia! sembra quella della guerra dei bottoni, i venransesi contro i longevernesi. i bambini di una volta potevano stare per le strade e scoprire pian piano cosa vuol dire cavarsela da soli, oggi non si può più. è un gran peccato.

e poi, vuoi mettere che gioia tornare a casa magari con le ginocchia sbucciate e mangiarsi per consolazione queste meravigliose nocchette?

Anonimo ha detto...

complimenti ho trovato, spero, la ricetta che cercavo. Ieri ho fatto i cannoli e sono venuti poco croccanti, la tua ricetta mi sembra interessante...ora la provo.
Mi piace questo blog ma non ho capito come ci si registra
ciao, a presto Monica