domenica 25 settembre 2011

Shortbread

         Petticoat tails

(senza uova)

Scroll down for English version

Ho appena terminato la mia colazione con yogurt e cereali. Accendo il mio portatile e mi siedo al tavolo della cucina sorseggiando con calma le ultime gocce di caffè. Mi piace ritagliarmi del tempo per me stessa al mattino presto, è il momento che preferisco per scrivere.

Oggi desidero ringraziarvi. Non avrei mai immaginato di realizzare un sito di dolci, di condividere le mie ricette con il mondo intero, se me lo avessero detto qualche anno fa non ci avrei creduto. Ed invece la mia autenticità è stata ripagata, le visite a “Dolce Mania per la Pasticceria” aumentano, i fan della pagina su facebook altrettanto. La fiducia che i lettori ripongono in me e nelle mie ricette mi emoziona, ogni qual volta ricevo un’e-mail o un commento mi sento soddisfatta e utile a qualcuno. E’ così facile deliziarvi con le mie creazioni e senza neanche volerlo quella che inizialmente era una semplice raccolta di ricette è diventata oggi una sorta di “diario culinario”.

Penso che lo stimolo e la motivazione che mi hanno fatta arrivare sin qui derivino dal desiderio di crearmi un mondo virtuale dove esprimere me stessa. Non fraintendetemi, con ciò non intendo dire che nel mondo reale non sia vera, anzi in alcuni momenti mi rendo conto di esser fin troppo trasparente. Ma le persone si soffermavano solo su ciò che vedevano: una studentessa modello, stacanovista, perfezionista…ok, ma tutto il resto??? Chi mi conosce veramente sa che c’è ben altro: attenta ai sentimenti altrui, con un orecchio sempre teso, dotata di un’intelligenza che definirei “creativa”, fin da bambina studiavo per curiosità vedendo le cose con un occhio critico. Ed esprimendo il mio estro culinario cercavo di donare agli altri un pizzico di felicità provando a riempire il mio vuoto interiore.

Così è nata Dolce Mania, con passione e determinazione, giorno dopo giorno, tra un esame e l’altro, sono riuscita a crearmi un hobby che racchiude più interessi: la pasticceria, la fotografia e la lingua inglese…meglio di così non si può!

shortbread-3

Dedico quindi a tutti i lettori questi dolcetti scozzesi. Si tratta di biscotti triangolari, friabili realizzati con 3 semplici ingredienti: zucchero, burro e farina. Sembra di assaggiare dei biscotti di pasta frolla ma in realtà non ci sono le uova. Shortbread significa pane friabile e può avere la forma di un disco largo tagliato a fette (petticoat tails) oppure di biscotti tondi, quadrati o rettangolari.

the great british book of baking La storia dei Petticoat Tails risale all’Edimburgo del 12° secolo e sono famosi per esser stati successivamente i biscotti preferiti di Mary, Regina di Scozia. La tradizione vuole che si accompagnino con una tazza di the, io li ho gustati con il the al cardo (thistle tea), il fiore simbolo della Scozia. La ricetta è tratta da un libro acquistato nel mio viaggio, “The great British Book of Baking”. Vi lascio anche qualche foto sperando di esser riuscita a trasmettervi in parte la voglia di visitare questo paese meraviglioso.

Difficoltà: bassa

Dosi per 16 fette

Ingredienti:

  • 150 g di burro ammorbidito
  • 50 g di zucchero a velo
  • 200 g di farina 00
  • 50 g di farina di riso o di mais
  • Zucchero semolato q.b.

Attrezzatura:

  • due teglie da forno
  • fruste elettriche o cucchiaio di legno

Preparazione:

  1. Preriscaldate il forno a 180°C.
  2. Sbattete il burro con lo zucchero fino a farlo diventare leggero e cremoso, utilizzate un cucchiaio di legno, una frusta elettrica o un mixer.
  3. Setacciate la farina 00 e la farina di riso o di mais sul composto e lavorate con le mani fino ad avere un impasto sodo*.
  4. Dividete l’impasto in due dandogli la forma di palla. Ponete ognuna al centro di una teglia da forno imburrata o ricoperta da carta da forno, stendete delicatamente con un mattarello o con le mani fino a formare due cerchi di 18cm di diametro e spessi 5mm.
  5. Per decorare pizzicate con le dita il bordo esteriore di ogni cerchio. Con una tazzina o un taglia biscotti fate un cerchio al centro e non rimuovetelo. Con un coltello affilato tagliate l’impasto attorno al centro formando 8 spicchi, senza tagliare il centro.
  6. Cuocete nel forno preriscaldato per circa 20 minuti, devono essere leggermente dorati e croccanti tutto intorno.
  7. Cospargete con lo zucchero semolato e ritagliate delicatamente le linee segnate, ma prima di toglierli dalla teglia lasciateli raffreddare completamente.

N.B:

  • La tradizione vuole che le fette triangolari vengano sistemate ad anello, con il tondino nel mezzo.
  • Conservateli in un contenitore ermetico.
  • *Aggiungete all’impasto un po’ di latte nei periodi freddi.
  • Potete sostituire lo zucchero a velo con zucchero semolato.

shortbread-1

English version

(egg-free recipe)

These biscuits are dedicated to Dolce Mania visitors. These thin, triangular, crisp, rich biscuits are made of 3 simple ingredients: sugar, butter and flour. Shortbread may be formed into different shapes: one large circle divided into segments (petticoat tail), rounds, squares and fingers.

Petticoat tails are said to date from 12th century Edinburgh and later have been a favourite of Mary, Queen of Scots. They are traditionally served with tea, I appreciated them with a cup of thistle tea, the National symbol of Scotland. This recipe has been taken from “The great British Book of Baking”, a cooking book bought during my trip to Scotland. I leave you with some pictures hoping I have been able to pass on my enthusiasm for this wonderful country to you.

Difficulty: easy

Makes 16 pieces

Ingredients:

  • 150 g unsalted butter, very soft
  • 50 g icing sugar
  • 200 g plain flour
  • 50 g corn flour or rice flour
  • Caster sugar, for sprinkling

Tools:

  • two baking trays
  • a wooden spoon or eletric whisk/mixer

Method:

  1. Preheat the oven to 180°C/350°F/gas 4.
  2. Beat the butter and sugar until light and creamy, using a wooden spoon or an electric whisk or mixer.
  3. Sift the flour and cornflour/riceflour on to the mixture and work it with your hands to make a firm dough *.
  4. Divide the dough in half and shape each portion into a ball. Set each one in the middle of a greased baking tray, gently roll with a rolling pin to an even circle 18cm across and 5mm thick.
  5. Pinch the outside edge of each circle to decorate. Press the round cutter into the centre of each disc (I used a little cup) but do not remove the circle of dough. With a sharp knife cut the dough around the centre circle into 8 segments, without cutting into the centre circle.
  6. Bake in the preheated oven for about 20 minutes, until light golden and crisp all over.
  7. Sprinkle with caster sugar and gently cut along the marked line, but leave to cool completely before removing from the tray.

Note:

  • Traditionally, the triangular segments would be served arranged in a ring, with the centre circle set in the middle.
  • Store in an airtight container.
  • * Add a very little milk in cold weather.
  • You can use caster sugar instead of icing sugar.

 IMG_5687   IMG_5790

IMG_5828

IMG_6015 IMG_6031

13 commenti:

Mary ha detto...

Belle foto . Buoni i shortbread.

UnaZebrApois ha detto...

un abbraccio grande, un morsino a queste bontà e grazie a te che ci allieti e ci delizi :)
I "fans" in aumento, i riscontri con i lettori e l'apprezzamento alle tue creazioni sottolineano quanto tu sia speciale :D

cooksappe ha detto...

sembra buono! ;)

Manuela e Silvia ha detto...

Ciao, il tuo blog è una vera fotne di ispirazioni per le aspiranti pasticcere!
Questa ricetta è una vera chicca da gustare con il latte caldo!
baci baci

Cucina di casa da lu ha detto...

Una vera bontà!!!
Un bacione
Lu

Fabiola ha detto...

"Ecco per te il 2° numero di OPEN KITCHEN MAGAZINE!
Per sfogliarlo gratis clicca qui:

http://www.openkitchenmagazine.com/

Puoi seguirci anche su Facebook cliccando qui:

http://www.facebook.com/openkitchenmagazine

Un abbraccio,
il Team di OPEN KITCHEN MAGAZINE

ps: ci farebbe molto piacere se potessi condividere il banner del magazine con tutti i tuoi amici! Per farlo basterà andare sul nostro sito, nella sezione "condividi" e prelevare la copertina del magazine; il link diretto è questo:
http://www.openkitchenmagazine.com/condividi/
Te ne saremmo davvero grati! ^.^"

Oraviaggiando ha detto...

Buongiorno!... non mi ricordo se sei iscritto o meno su Oraviaggiando. Se non l'hai fatto, fallo subito…

- puoi pubblicare ricette e vederle realizzate da grandi chef di caratura nazionale
- puoi parlare del tuo ristorante preferito
- puoi comunicare con tutti gli iscritti, seguirli (follow) ed essere seguito per tener traccia dei loro commenti, gusti e itinerari
- puoi invitare a cena un ragazzo che ti piace
- puoi farti una lista dei tuoi ristoranti preferiti per averli sempre a portata di "mouse" quando serve
- puoi partecipare alle nostre cene e puoi scrivere sul nostro forum potendo aprire nuovi topic
- puoi avere cene in omaggio


Spero ti piaccia.
Attendo la tua iscrizione

Federica - Pan di Ramerino ha detto...

Wow una meraviglia!!!
Nel frattempo ti invito a partecipare al mio nuovo contest sulla cucina toscana! Ti lascio il link: http://pandiramerino.blogspot.com/2011/10/la-toscana-nel-piatto-il-mio-nuovo.html
Ti aspetto!!

marty90 ha detto...

ciaoo...bellissima ricetta..passa da me
se ti fa piacere...bacii
http://cucinadicottoespazzolato.blogspot.com/

Zara. ha detto...

Mamma mia che bontà! Ho già fame!

Ti seguo!..

Nena ha detto...

mi riconosco molto nella tua descrizone, anche io all'inizio non avrei mai pensato che a qualcuno poteva mai interessare le mie ricette. A ma piace moltissimo venirti a trovare e trovare una cucina diversa dalla mia e cosi imparare tante ricette nuove come ad esempio questo magnifico shortbread che non conoscevo affatto:)
E' un piacere venirti a leggere:)
Buon weekend,
Nena

Milena ha detto...

Questa la provo sicuramente, devo solo sostituire il burro.
Non vedo l'ora di assaggiare!

Elly ha detto...

@Mary: grazie!

@UnaZebrApois: cara sei gentilissima, ti ringrazio e ricambio dicendoti che anche tu mi allieti con le tue creazioni!!!! ;D

@Manuela e Silvia: grazie gemelline, anche io apprezzo con il latte o una bella tazza di cioccolato caldo...mmhhh....

@Lu: grazie!

@Fabiola: grazie, vengo subito a leggerlo!

@federica: grazie dell'invito!

@Marty90: certo che passo...arrivoooOOO

@Zara: grazie, vengo anche io a trovarti...

@Nena: grazie cara, tra food-blogger ci si capisce!!!! ;D

@Milena: allora fammi sapere che ne pensi!