venerdì 31 agosto 2012

Crostata fresca al limone

E l’inizio di una nuova avventura…

Crostata-fresca-al-limone-1

Ho fame…e si ho una stramaledetta fame!!! Mi dico “Elsa cambia, adeguati” ma nulla, ancora non ce la faccio. Eppure mi adatto a tutto, il jet lag non l’ho neanche avvertito, mi oriento già per le strade, ho modificato il mio accento. Insomma sono proprio brava ma con il cibo è tutta un’altra cosa…

Penserete che sto esagerando, in che posto sperduto del mondo sarà capitata la vostra Elly? Provate a indovinare…negli USA! Ebbene si, sono in un altro continente, questo meraviglioso mondo dove tutto è possibile, tranne: trovare un buon olio di oliva (tipo quello novello di casa che fa una mia amica a San Martino –VT) o della pasta decente (anche la Barilla qui è immangiabile), il semplice pomodoro in scatola (si trovano tutti sughi pronti o concentrati di pomodoro….blah…), le fette biscottate che proprio non esistono (forse sono troppo light per gli americani). Insomma non è che proprio non si trova niente ma sicuramente bisognerebbe andare in una grande città e comprare articoli internazionali, ma qui ad Amherst nel Massachusetts, nel paese universitario più bello degli Stati Uniti, non è che proprio si trova tutto. Aspetterò il Thanksgiving per andare dalla mia zietta a New York e ne approfitterò per fare un po’ di shopping! Ma nel frattempo dovrò pure trovare una soluzione, non posso certo aspettare fine novembre. E mi dico…su Elsa adattati, e se eri in Cina che facevi??? Oddio morivo di fame! Sigh…come dicono qui sono una vera foodie, sono senza speranze. Piuttosto che mandare giù quella pizza gommosa preferisco continuare a mangiare tonno in scatola, che poi mi chiedo “di dove sarà questo tonno? Ma sarà proprio tonno?”. Così non posso andare avanti, devo darmi una regolata. Il mio coinquilino dice che è successo anche a lui all’inizio poi si è adattato, io direi che si è “americanizzato”. Mangia tranquillamente trash food e addirittura ne gode. Io appena entro nelle mense e nei Cafè del campus sento lo stomaco sottosopra per gli odori eccessivamente speziati. Ci sono zuppe di tutti i tipi e i cinesi ne sono ghiotti. Poi tanti fritti, cucina messicana, pizza…E io guardo, cerco, riguardo e poi alla fine mi arrendo, non ce la faccio a provare.

E mentre sono qui a sognare la mia cucina di casa delizio il mio sguardo con questa meravigliosa crostata fredda al limone preparata per Ferragosto a Ischia. Quasi quasi mi sembra di sentirne il sapore in bocca, la fragranza della frolla che contrasta con la delicatezza della crema al limone…

Beh, in realtà qualcosa di piacevole al mio palato l’ho trovato…i Muffin! Così soffici, enormi ed invitanti! Ma potrò campare 4 mesi con soli muffin?! Beh direi di no…devo trovare qualcos’altro. E allora che la mia avventura abbia inizio: “Alla ricerca della buona cucina americana!”. A presto con (spero) succulenti aggiornamenti.

100_2275

Dosi per 8 persone

Difficoltà medio-bassa

Ingredienti

Per la pasta frolla:

  • 250 gr di farina 00
  • 125 gr di burro
  • 2 tuorli (35 g)
  • 90 gr di zucchero
  • limone grattugiato
  • 1 pizzico di sale

Per la crema:

  • 500 g di latte intero
  • 100 g tuorli (circa 6 tuorli)
  • 150 g zucchero
  • 40 g maizena (amido di mais) o fecola di patate
  • Scorza grattugiata e succo di un limone

Attrezzatura:

  • tortiera, meglio se apribile
  • mattarello

Preparazione

  1. Per la frolla: Sbattete i tuorli con una forchetta, unite lo zucchero e mescolate. Disponete la farina a fontana. Versate al centro il burro a pezzetti, la scorza di limone grattugiata e i tuorli con lo zucchero. Impastate velocemente con le punta delle dita e poi ancora con il palmo cercando di omogeneizzare l’impasto. Avvolgete nella pellicola e lasciate in frigorifero per almeno 1 ora (meglio una notte).
  2. Nel frattempo preparate la crema; Versate in un pentolino il latte e fate prendere il bollore con un cucchiaio di zucchero (preso dal totale). Montate i tuorli con il restante zucchero fino a renderli chiari e spumosi, incorporate poi l’amido di mais, la scorza e il succo di un limone. Togliete il latte dal fuoco e aggiungete al composto di uova continuando a mescolare, rimettete sul fuoco e portate a bollore per 1-2 mescolando continuamente fino a fare addensare la crema. Spegnete e versate subito la crema in una terrina e/o vassoio, fatela intiepidire e copritela con la pellicola.
  3. Preriscaldate il forno a 180° C. Stendete 2/3 della pasta frolla con un matterello sul tavolo leggermente infarinato, realizzate una sfoglia dello spessore di ½ cm e posatela sul fondo imburrato e infarinato di una tortiera preferibilmente apribile di 24 cm di diametro. Con 1/3 dell’impasto rimasto formate un rotolo e premetelo contro le pareti della tortiera per creare un bordo alto circa 2-3 cm. Versate all’interno la crema raffreddata. Piegate il bordo sulla crema.
  4. Cuocete a 180 ° C per 45 minuti o fino a quando la frolla non prende un colore dorato.
  5. Sfornate e fate raffreddare. Conservatela in frigo e servitela fresca, preferibilmente con un ciuffo di panna montata.

Crostata-fresca-al-limone-2

24 commenti:

Paoletta ha detto...

Non puoi capire quanto ti capiscooooooooooooooo....mi trovo ad abu dhabi in questo momento e ci resterò per circa un mese e in tutte le tue parole ho riscontrato il disagio della prima spesa fatta qui!!!Stessa sensazione quando apro la porta della mia stanza pensando di andarmi a godere il mio bel caffè mattutino (portato da casa) e invece sento odore di aglio fritto....noooooooooooooooo...non c'è incubo peggiore!!!
Speriamo di svegliarci presto!!!

Gaijina ha detto...

Ahahah!! "se ero in Cina, che facevo?"... hai detto bene, ne so qualcosa!!! ma rimango stupita che persino negli USA non sia facile trovare certi generi alimentari!!!! Io mi trasferito a gennaio e mi devo preparare!!! in bocca al lupo per la tua avventura comunque, e complimenti per la crostata che sembra davvero fantastica!!! cerca cerca che so per certo che anche la cucina americana può essere splendidamente buona... soprattutto al Thanksgiving!!!!

Tortino al Cioccolato ha detto...

in bocca al lupo per la tua nuova avventura!!!

Italians Do Eat Better ha detto...

Davvero deliziosa questa crostata e in bocca al lupo per la tua nuova avvenura!

Francesca ha detto...

Hai ragione, non c'è niente di più meraviglioso della cucina italiana. Gli americani, si sa, friggono di tutto e hanno dei gusti culinari "bizzarri", ma tieni duro, in fondo quattro mesi passano in fretta...:-) Seguo il tuo blog da un pò, mi piadce, sempre belle e buone idee. Se ti va passa anche da me. Sarò felice di averti tra i miei sostenitori. Francesca.

Anonimo ha detto...

Povera la nostra Elly...anch'io sono fatta così...pensa a volte sono diffidente con la cucina italiana che varia tra regioni e regioni figuriamoci in America :/ aiutoooooo....io non riuscirei a mangiare nulla..con una nota positiva: inizierei a dimagrire!! :D :P
Intanto ci deliziamo delle tue stupende ricette...grazie ancora ti seguo sempre e non potrei fare a meno dei tuoi dolci!!
Grande Elly continua così!!
P.s. ma cosa ci fai lì?? O_o

Carla

Elly ha detto...

@Paoletta: se trovi un rimedio fammi sapere,anche io ti terrò aggiornata...certo che noi italiani siamo davvero abituati bene! Eheh :D

@Gaijina: ciao cara, poi mi spieghi come hai resistito in Cina!!! oddio...ho letto che tra un po' verrai negli States...beh ti farò sapere dove andare e cosa comprare! Un bacione

@Tortino al Cioccolato: grazie!!!

@Italian do eat better: grazie, tu si che mi puoi capire...gli italiani mangiano meglio, senza alcun dubbio!!!

@Francesca: grazie cara x la solidarietà!!! si hai ragione, per fortuna non è per una vita! ahah

@Carla: cara sono qui come visiting scholar, faccio ricerca per il mio dottorato...bellissima opportunità e anche il posto è incantevole...
per il resto ci adatteremo...:D

veronica ha detto...

elly mio dio che blogg stupendo ora DEVO SCAPPARE IN PIZZERIA ( SE NO NIENTE PIZZE OGGI ^.^ ) CI VEDIAMO STASERA DEVO LEGGERMI PARECCHIE COSUCCE UN BACIO VERONICA

roberta ha detto...

Ciao Elly! Mi dispiace per il tuo disagio...come suol dirsi " chi ha il pane non ha i denti e chi ha i denti non ha il pane!!" Io adoro la cucina americana!! Anzi, adoro gli USA e tutto quello che li riguarda. Ci sono gia' stata tre volte, li ho girati in largo e in lungo e proprio a giungo di quest'anno abbiamo visitato il New England. Ovunque ho sempre mangiato divinamente...Certo, cercare di mangiare italiano in un paese straniero, anche cucinandoselo da soli, non e' impresa facile e quasi sempre si va incontro a delusioni...Ne so qualcosa io che vivo in Olanda...Olio d'oliva, parmigiano, caffe', riso e perfino la farina me li devo portare dall'Italia...la varieta' di frutta e verdura qui e' scarsissima, i tagli di carne completamente differenti dai nostri...ma non ho mai digiunato, ad essere sincera...anzi, sono pure ingrassata!! Mannaggia!!...Spero che riuscirai ad adattarti presto e a goderti il cibo cosi' come qualunque altra esperienza. UN abbraccio,
Roberta.

Valentina ha detto...

Ciao Elly :) Eccomi qui innanzitutto per ringraziarti della tua visita che mi ha riempito di gioia, ti seguo da tantissimo tempo e sei bravissima, posso solo imparare qui! :) Questa crostata è deliziosa, ne mangerei subito una fetta :D Complimenti e in bocca al lupo per tutto, sei in gamba! Bacioni :)

Monique ha detto...

Ciao, piacere di conoscerti.Ho letto il post e ti dico che gli italiani hanno un grande problema: crescendo in un paese dove tutto nasce dall'orto e non dalla fabbrica, dove i primi sapori sono pastasciutta al sugo e dove le nonne tramandano ricette senza contaminazioni di tipo moderno, quando cambiano nazione perdono chili.ho sentito parlare persone andate in italia e ingrassate 3/4 chili (anche lo stesso milanese che va in Puglia) ma mai ho sentito: "come ho mangiato bene a Londra!!"Nel tuo caso ti consiglio ti adattarti!!e subito!!auguri, ti seguo!

Günther ha detto...

auguroni non sapevo di questo tuo cambiamento, è dura ma dai è solo la prima impressione
io ricordo della magnifica carne e pesce e anche della frutta, ma io stavo in california forse li è diverso, un abbraccio forte

carmencook ha detto...

Molto bella questa crostata!!
Immagino che profumino!!
Me la appunto e la provo!!
Un abbraccio e a presto Carmen

elisa ha detto...

ciao!! non mi ricordo proprio come sono capitata nel tuo blog, ma non riesco più ad uscirne.. ho visto tante cose deliziose!!!!! ^_^
Tornerò per vedere se riesci a trovare qualcosa di commestibile negli USA.. tieni duro!
se ti va passa a trovarmi, mi farebbe piacere (www.grembiule-presine.com)

Dory_Mary ha detto...

da oggi ci sono anch'io tra i tuoi fans,complimenti per il tuo blog,è davvero molto bello!Se ti va passa a trovarmi nella mia cucina,mi farebbe molto piacere!Ciao e a presto!

Federica ha detto...

Dura trovare un'alternativa! Mai sentito nessuno che non si sia innamorato della cucina italiana ma credo sia difficile poter dire lo stesso per la cucina di altri Paesi. Penso sarei nella tua stessa situazione di difficoltà! Un grosso in bocca al pupo per quest'avventura americana, sperando che al più presto riesci a superare lo scoglio...nel piatto! Deliziosa la crostata :) Un bacione, buona settimana

SUSANNA ha detto...

Hola guapa tu

M ´encanten les teves receptes, tant dolçes i plenes d´amor, Felicitacions

mil petones Susanna

Michela ha detto...

che delizia!!! ne mangerei subito una fetta, ha un'aria davvero fantastica!

volevo farti i complimenti per il blog, l'ho scoperto da poco per caso ma ho già sbirciato altre tue ricette, tutte bellissime! brava! mi sono anche aggiunta ai lettori fissi :)
da pochissimo ne ho uno anch'io, passa a visitarlo se ti va!
a presto,
Michela

ristoranti roma ha detto...

una deliziosa crostata ala limone!!! in bocca al lupo!!

Romy ha detto...

Ciao! ti ho scoperto da poco molto bello il tuo angolo di dolcezza! Sei in america!? che meraviglia! io sono stata in viaggio di nozze a NY che dire una città UNICA! Ed i Muffins? hai ragione soffici grandi e buonissimi i migliori che abbia mai mangiato! Divertiti! p.s. Se vai a NY vai a Eatitaly lì potrai rifornirti di ogni bene made in italy! :)

Milena ha detto...

Elsa...tieni duro tesoro! :)
e poi dai 4 mesi passano in fretta!
mi ero persa questa novità..non sapevo che saresti volata negli States!!!
ti abbraccio forte forte
un baciotto

elisa ha detto...

Ciao.. buongiorno!
Oggi è il mio 1° blog compleanno e per l'occasione ho creato un contest per festeggiare. Ti invito a vedere di cosa si tratta (www.grembiule-presine.com) e a partecipare se l'idea ti piace!! ovviamente anche un po' di passaparola è gradito!!

grazie grazie.... ti aspetto eh! ^_^

carmencook ha detto...

Buonissima questa crostata!!!
Mi piace moltissimo l'aroma del limone!!!
Un abbraccio Carmen

Elsa Serpico ha detto...

@Veronica: hai una pizzeria? Mi sa che devo venirti a trovare...:D

@Roberta: grazie Roberta! Ho capito cosa comprare e dove...certo però le cose costano parecchio!!!

@Valentina: grazie e in bocca al lupo anche a te!

@Monique: qui se ingrasso non è certo per la bontà degli ingredienti...ahaha

@Gunther: caro magari fossi in California! Comunque qui la varietà di frutta è verdura è come la nostra, i prezzi però giusto il doppio!

@Carmencook: grazie e se la provi fammi sapere!

@elisa: che carina, grazie!!!

@Dory_mary: piacere di conoscerti!

@Federica: infatti è dura ma ce la posso fare!!!

@Michela: grazie e benvenuta nel mio blog!

@Romy: per fortuna ho i parenti a NY e lì di negozi italiani che ne sono in quantità industriale!!!

@Milena: in realtà non lo avevo anticipato, è stata una sorpresa!

@Carmencook: io adoro tutti i dolci al limone...certo i limoni della mia isola sono i migliori!!! ;D